Settore vinicolo: sostegno per investimenti materiali e/o immateriali.

Apr 19, 2023

COS’E’?

A decorrere dalla campagna vitivinicola 2023/2024, è concesso un sostegno per investimenti materiali e/o immateriali in impianti di trattamento e in infrastrutture del settore vinicolo nonché in strutture e strumenti di commercializzazione del vino.

Tali investimenti sono diretti a migliorare il rendimento globale dell’impresa, soprattutto in termini di adeguamento alla domanda del mercato e ad aumentarne la competitività.

A CHI SI RIVOLGE?

Beneficiano dell’aiuto per gli investimenti del settore vinicolo, le imprese la cui attività sia almeno una delle seguenti:

  • la produzione di mosto di uve ottenuto dalla trasformazione di uve fresche, acquistate o conferite dai soci, anche ai fini della sua commercializzazione;
  • la produzione di vino ottenuto dalla trasformazione di uve fresche o da mosto di uve, acquistati o conferiti dai soci anche ai fini della sua commercializzazione;
  • l’elaborazione, l’affinamento e/o il confezionamento del vino, conferito dai soci e/o acquistato, anche ai fini della sua commercializzazione; sono escluse dal contributo le imprese che effettuano la sola attività di commercializzazione dei prodotti oggetto del sostegno;
  • la produzione di vino attraverso la lavorazione delle proprie uve da parte di terzi vinificatori, qualora la domanda sia volta a realizzare ex novo un impianto di trattamento o una infrastruttura vinicola, anche ai fini della commercializzazione.

Beneficiano, altresì, dell’aiuto le organizzazioni interprofessionali, compresi i Consorzi di tutela riconosciuti, autorizzati per la registrazione dei marchi collettivi delle denominazioni

Dette imprese beneficiarie accedono al contributo se sono in regola con la normativa vigente in materia di dichiarazioni obbligatorie.

Non sono, invece, ammessi al contributo gli interventi che ricevono o abbiano ricevuto altri contributi pubblici o che si configurino come investimenti di mera sostituzione di beni mobili e/o immobili preesistenti che non comportino un miglioramento degli stessi.

QUAL E’ L’ENTITA’ DELL’AGEVOLAZIONE?

Il sostegno per gli investimenti materiali o immateriali realizzati da micro, piccole o medie imprese, è erogato nel limite massimo del 40% della spesa effettivamente sostenuta.

Nelle regioni classificate come regioni meno sviluppate, il contributo alle spese non può superare il 50% dei relativi costi.

Il limite massimo suddetto è ridotto al 20% della spesa effettivamente sostenuta, qualora l’investimento sia realizzato da un’impresa classificabile come intermedia, ovvero che occupi meno di 750 dipendenti o il cui fatturato annuo sia inferiore ai 200 milioni di euro.

Nel caso d’investimento realizzato da un’impresa classificabile come grande impresa, ovvero che occupi più di 750 dipendenti o il cui fatturato annuo sia superiore ai 200 milioni di euro, invece, il livello di aiuto è fissato, al massimo, al 19% della spesa effettivamente sostenuta.

QUAL E’ LA PROCEDURA DI ACCESSO AL BENEFICIO?

Entro il 31 luglio 2023 le imprese interessate dovranno presentare la domanda di accesso al beneficio, secondo le indicazioni che saranno fornite dal soggetto gestore.

La domanda dovrà contenere almeno i seguenti elementi:

  • descrizione dell’investimento con l’indicazione delle singole operazioni che costituiscono l’investimento globale, il costo previsto e la tempistica di realizzazione delle stesse;
  • la dimostrazione che i costi dell’investimento proposto non superino i normali prezzi di mercato;
  • il possesso delle risorse tecniche e finanziarie per realizzare l’investimento proposto;
  • la prova che il proponente non sia un’impresa in difficoltà;
  • una breve relazione contenente i motivi per i quali s’intende realizzare l’investimento proposto in relazione alla realtà produttiva dell’impresa, nonché le aspettative di miglioramento in termini di competitività ed incremento delle vendite.

Qualora l’impresa intenda avvalersi del criterio di priorità comunitario obbligatorio riguardante gli effetti positivi in termini di risparmio energetico, efficienza energetica globale e processi sostenibili da un punto di vista ambientale, la relazione dovrà riportare elementi che rendano evidente il vantaggio auspicato da un punto di vista energetico e/o ambientale.

Hai ulteriori domande sugli investimenti nel settore vinicolo? contattaci

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo sui social!

Condividi questo articolo!

 

Visita la nostra piattaforma dedicata alla finanza agevolata www.dottorbusiness.com

IL PORTALE SULLA FINANZA AGEVOLATA A PORTATA DI CLICK

Seguici sui social